L’idea di un nuovo parco a Santa Teresa, “polmone” contro l’inquinamento

Da il 13 giugno, 2018

Verrà discussa nel prossimo Consiglio Comunale di Spoltore, che si terrà domani, giovedì 14 giugno 2018, una mozione ambientalista che porta la firma di alcuni rappresentanti della politica di centro destra spoltorese. Il gruppo consigliare “Noi Pensiamo in Comune”, rappresentato da Andrea Sborgia, Marina Febo e Giancarlo Febo, si sta facendo promotore dell’idea di “un grande parco urbano e polmone verde a Santa Teresa”. Il progetto interesserebbe un’area, attualmente di proprietà privata, limitrofa al parco già esistente il quale, a detta dei politici proponenti il nuovo parco pubblico, causa le limitate dimensioni non riesce a servire adeguatamente gli attuali cinquemila abitanti della frazione di Spoltore, cittadini protagonisti di un imponente processo di urbanizzazione avvenuto negli ultimi anni. Si legge che questa infrastruttura è considerata l’unica alternativa possibile per affrontare il problema inquinamento nella zona. Una proposta che potrebbe riscontrare un consenso trasversale da parte dell’intera assise pubblica, un indirizzo politico oggettivamente positivo per la collettività, progetto che comunque dovrà essere valutato opportunamente nelle sedi tecniche al fine dell’attuazione. Ovviamente, date queste circostanze, e considerata l’importanza delle aree verdi nei vari contesti urbani, ci sembra opportuno ricordare lo stato inagibile dei due ‘polmoni verdi’ atrofizzati in Spoltore capoluogo e riflettere sulle opportunità conseguenti la loro sistemazione e riapertura.

Di seguito pubblichiamo il documento integrale che domani verrà discusso in sede di Consiglio Comunale.

PREMESSO che – la nostra città ha registrato uno sviluppo considerevole negli ultimi 20 anni, con prevalenza in alcune zone tra le quali la frazione di Santa Teresa; – l’imponente processo di urbanizzazione non è avvenuto di pari passo con la realizzazione di servizi adeguati alla popolazione ivi residente: a Santa Teresa oggi vivono oltre 5000 cittadini; – il parco di Santa Teresa, ubicato nella piazza Marino Di Resta, rappresenta il cuore di Santa Teresa, ma ha attualmente delle dimensioni insufficienti per servire adeguatamente un’area così densamente popolata; – la SS602, che attraversa la frazione, è un’importante rete viaria ma il continuo traffico veicolare ha un impatto significativo sull’inquinamento dell’aria e, in generale, sulla salubrità dell’ambiente e la salute pubblica; CONSIDERATO che – nella zona centrale di Santa Teresa, di fronte al citato Parco, si estende un’area verde, di proprietà privata, interclusa tra la SS602 e la Via Gran Sasso, di grandezza pari a circa … mq, corrispondente al Foglio 37, particelle catastali n. 4, 7, 187, 188, 189, 191, 192, 750, 751, area classificata nel P.R.G. F2 (verde pubblico attrezzato); RITENUTO che – per la sua posizione strategica la detta area, collegandosi facilmente al parco esistente, può trasformarsi in un grande Parco Urbano Attrezzato al servizio non solo di Santa Teresa, ma dell’intera città di Spoltore e divenire un luogo di svago e attrazione – anche per i Comuni vicini – e comprendere oltre ad attrezzature ludiche, anche orti didattici o botanici per bambini e scuole, giardini tematici, aree di sosta e riposo per i nostri anziani, sentieri e percorsi naturalistici e/o sportivi; – contemporaneamente, si realizzerebbe un vero e proprio “polmone verde”, utile al perseguimento di priorità politiche di rilevanza fondamentale: la qualità dell’aria e, più in generale, la salubrità dell’ambiente e la salute pubblica grazie ad alberi e piante che svolgono un ruolo importante nella lotta all’inquinamento – come avviene in tante capitali – perché in grado di rimuovere ingenti quantità di pm10 e del particolato molto più insidioso quale è il pm2,5. Va precisato che non esiste, allo stato, alcuna altra alternativa possibile per affrontare il problema inquinamento nella zona; E CONSIDERATO che – l’area verde in questione, per le sue caratteristiche urbanistiche e per la sua posizione strategica, risulta idonea ad acquisire una funzione pubblica importante per il nostro territorio e può divenire oggetto di programmazione politico-amministrativa, Tutto quanto premesso, ritenuto e considerato, su proposta del gruppo consiliare “Noi Pensiamo in Comune”, composto dai consiglieri comunali Marina Febo, Andrea Sborgia e Giancarlo Febo, il Consiglio comunale di Spoltore, PROPONE ALLA GIUNTA fatte le opportune valutazioni, di dare avvio alla procedura finalizzata ad apporre, sulla menzionata area, corrispondente al Foglio 37, particelle catastali n. 4, 7, 187, 188, 189, 191, 192, 750, 751, area classificata nel P.R.G. F2 (verde pubblico attrezzato) il vincolo preordinato all’esproprio per pubblica utilità e programmare l’acquisizione e la realizzazione di un grande Parco Urbano attrezzato e un Polmone verde a Santa Teresa al servizio dell’intera città di Spoltore”.

S.Ciuffi

About marco

One Comment

  1. Panaccio Gabriele

    13 giugno 2018 at 14:58

    Iniziativa lodevole a patto che questa venga realizzata e non lasciata sulla carta come tante promesse fatte dai politici,per carità nessun riferimento verso qualsiasi amministratore.
    Quindi ben venga questo polmone verde e se potete un occhio anche alla viabilita dei pedoni facendo qualche marciapiede in più(vs Auchan)e curandoli dalle buche e dagli escrementi dei cani.Un po di accortezza ai cigli delle strade togliendo le erbacce che invadono le corsie.Vi auguro buon lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.