Mucchi di temibile processionaria in via Perosina

Da il 9 Marzo, 2017

Col ritorno della primavera, che è una stagione bellissima, c’è purtroppo anche il ritorno della processionaria, temibile lepidottero velenoso e pericolosissimo per la salute dei nostri amici a quattro zampe. Una nostra lettrice, di evidente senso civico, ci ha scritto perchè ne ha incontrati diversi, grossi mucchi di processionaria, alla periferia di Spoltore Capoluogo. “Buonasera – ci ha scritto tramite mail – condivido con voi quello che mi è capitato di intravedere da un paio di giorni a questa parte portando il cane a spasso; solo oggi scrivo perché, dopo aver letto un articolo su avvistamenti di processionaria nei pressi di Pescara colli, mi sono resa conto che si tratta della stessa specie che vedo da giorni a Spoltore, zona via Perosina. Vi inoltro la foto appena fatta per strada ma, specifico che sotto alcuni alberi, ci sono dei veri e propri mucchi. Grazie per l’attenzione. Buon lavoro”. Il rischio, per chi non fosse a conoscenza dei rischi legati alla processionaria, è che cavalli ed i cani, brucando l’erba o annusando il terreno, possono inavvertitamente ingerire i peli urticanti che ricoprono il corpo dell’insetto. L’effetto dei peli urticanti che entrano in contatto con la lingua sono devastanti (causano una distruzione del tessuto cellulare) e spesso il danno può essere talmente grave da provocare processi di necrosi con la conseguente perdita di porzioni di lingua. Altri sintomi rilevanti sono: la perdita di vivacità del soggetto, febbre, rifiuto del cibo, vomito e diarrea e, soprattutto quest’ultima, può essere anche emorragica. Il Comune di Pescara ha attivato una task-force per far fronte la ciclica criticità legata alla presenza della processionaria, spesso nutrita sotto gli alberi di pino. Speriamo che anche il Comune di Spoltore si attivi con servizi di disinfestazione oppure chiedendo consigli al medico veterinario Marco Della Torre, che è anche consigliere comunale.

Foto: la processionaria individuata dalla nostra lettrice.

dig

About marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.