Salta il “Museo della Velocità”, al suo posto viene progettata una scuola per l’infanzia

Da il 18 Agosto, 2019

Ancora un cambio di visione circa il futuro del cosiddetto “Mammut”. L’ormai famosa struttura in cemento armato, incompiuta e da tempo abbandonata, divenuta negli anni un ‘ecomostro’ ai margini del centro storico di Spoltore, avrà a quanto pare un nuovo destino d’uso. Abbiamo, infatti, appreso di questa importante notizia imprevista attraverso una determina di settore pubblicata sull’Albo Pretorio del Comune. Che spiegherebbe, tra l’altro, anche la fine del proclamato (in campagna elettorale) contestatissimo progetto che avrebbe voluto trasformare il Mammut in una “Casa Museo” dedicata ai motori ed alla velocità. Quindi, bocciata l’idea di una Spoltore come nuova Maranello, nel luogo individuato nel parcheggio di Via Massera, area su cui insiste l’edificio denominato “Mammuth”, verrà progettata la costruzione della nuova scuola dell’infanzia in Spoltore capoluogo. Indubbiamente ci sarebbe piaciuto venire a conoscenza di questa novità attraverso un comunicato rivolto alla cittadinanza di livello istituzionale e non per vie traverse. Oltretutto si tratta di un opera pubblica importante, che interessa la collettività spoltorese, prevista in sostituzione di un edificio forse dilaniato anche da storie perpetrate nel tempo. Magari qualcuno, magari in forma istituzionale, ci potrà spiegare qualcosa in più in merito l’interessante argomento. Tra l’altro su quell’area insistono da anni molte altre idee, tipo: un impianto polifunzionale con piscina comunale. Noi di Spoltore Notizie avevamo in mente qualcosa di più artistico. Chissà che accadrà ..

About marco

6 Comments

  1. Max

    18 Agosto 2019 at 10:39

    Migliore soluzione?
    Abbatterlo…
    è di una bruttezze incomparabile.
    E poi a quelle condizioni sarebbe da ricostruire partendo dalle fondamenta.
    Non vale la pena sognarci sopra.

    • Ilaria Cane

      19 Agosto 2019 at 13:36

      E’ già stato spiegato che il Mammuth è irrecuperabile, quando si parla di riqualificazione è da sottintendere l’abbattimento dell’esistente…

  2. Edoardo

    18 Agosto 2019 at 11:31

    Li ci starebbe bene anche il distretto sanitario di base della ASL … luogo molto più accessibile di via del convento.

  3. Lamberto

    18 Agosto 2019 at 15:50

    Ma una piscina comunale?
    Il massimo sarebbe se si potesse scoprire in estate. In inverno scuola nuoto. In estate ottima alternativa al mare

    • Ilaria Cane

      19 Agosto 2019 at 13:41

      Purtroppo non c’è abbastanza utenza per una piscina. Tutte le piscine nella provincia sono K.O., e anche quella nuovissima a Silvi ha difficoltà. L’ideale sarebbe una piscina unica, che magari possa anche alzare i prezzi senza preoccuparsi della concorrenza, così da riuscire a sopravvivere con un minimo di efficienza.

  4. Mariella

    19 Agosto 2019 at 14:31

    Buttarlo giù xche è terribile
    E ricostruire … va bene tutto…
    Piscina teatro museo ..
    qualsiasi cosa è meglio di quello di oggi in completo abbandono
    E sfruttare l ottima posizione
    Io abito in via Massera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.