Sarà la ‘Casa della Cultura’ la nuova sede della Biblioteca comunale?

Da il 7 marzo, 2018

Come noto, i locali che attualmente ospitano la Biblioteca comunale di Spoltore, quelli in via Dietro Le Mura, nel centro storico per intenderci, sono di proprietà privata. La ‘gentile convenzione’ che ha permesso al Comune di Spoltore l’utilizzo gratuito dell’attuale spazio culturale spoltorese, un sensibile ringraziamento va alla signora proprietaria, avrà durata fino al prossimo 31 marzo 2018, cioè ancora per una ventina di giorni. Purtroppo, se si considerano le risorse economiche a disposizione, mai troppe per la ‘fervente’ offerta culturale che Spoltore può vantare, non è facile immaginare un ‘qualunque’ prossimo investimento a sostegno delle spese per un ambiente come quello che oggi accoglie la biblioteca comunale a Spoltore, oltretutto molto grande e forse con qualche problemino tecnico strutturale qua e la. Ma il nostro patrimonio immobiliare, certamente da rivalutare e preservare, ci permette di non temere per la locazione futura che potrebbe accogliere i ‘libri’, e tutto ciò che gira intorno a loro, nel nostro bel Centro Storico. Infatti, nell’attesa che il tempo e le pigre risorse economiche sovraccomunali restituiranno alla collettività quei luoghi come l’ex Municipio, i locali della ex scuola di fianco la Società Operaia, ed altri che non stiamo ad elencare, si può tranquillamente immaginare il trasferimento della biblioteca comunale nelle ampie stanze della Casa della Cultura di proprietà della Provincia di Pescara, sita nella centralissima Via Del Corso, a pochissima distanza da Via Dietro Le Mura. Sarebbe un giusto modo, questo, per riqualificare e dare la perfetta destinazione d’uso a quel luogo pubblico vocato proprio alla produzione culturale di e per Spoltore. Nel caso tutto ciò si concretizzasse, questo imminente trasloco, spostamento di libri e scaffali da una parte all’altra del centro storico, potrebbe anche essere un modo per impegnare associazioni e giovani in una collaborazione utile, coinvolgente e che si prolunghi nel tempo. E magari questo scenario ‘fantastico’ potrebbe realizzare una tanto attesa frequentazione della Casa della Cultura (oggi magazzino Caritas Parrocchiale), della biblioteca stessa e della stupenda Spoltore vecchia. Ma solo a posteriori vi sapremmo racconteremo ciò che realmente accadrà e che ne sarà della nostra importantissima biblioteca comunale.

Nota di redazione

Ricordiamo ai responsabili della Cultura Spoltorese che siamo ormai giunti a marzo e che in genere o, meglio, altrove, in altre località, le amministrazioni cominciano anzi hanno già iniziato a pianificare la stagione estiva ed il calendario degli eventi che l’accompagneranno. L’obiettivo resta sempre lo stesso: valorizzare il territorio attraverso il coinvolgimento delle migliori realtà associative per rilanciare l’economia attraverso l’incoming turistico pescarese abruzzese e di fuori regione. E il riferimento allo Spoltore Ensemble 2018, quello che verrà, non è puramente casuale.

Simone Ciuffi

About marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.