Scuola: sciopero il 24 e 25 settembre. Apertura a rischio?

Da il 15 Settembre, 2020

Un altro ostacolo incombe sulla ripartenza dell’anno scolastico. Uno sciopero di due giorni proclamato dai sindacati di categoria per il 24 e 25 settembre potrebbero ritardare il rientro. “Insicuri a scuola, sicuri nella lotta”: questo lo slogan della protesta di due giorni proclamata da USB, UNICOBAS, COBAS e CUB. “Sono 13.000 i positivi tra docenti e ATA. Questi i dati che emergono dai test effettuati sul personale della scuola a pochi giorni dalla riapertura. Tutti lavoratori che non potranno essere sostituiti, perché le immissioni in ruolo flop del ministro Azzolina (solo 25.000 sulle 80.000 previste) e il mancato incremento del personale Ata lasceranno centinaia di scuole scoperte”, si legge nel comunicato dell’USB.

Si sciopera, quindi, per dire no a un concorso selettivo che non si potrà svolgere e per chiedere l’immissione in ruolo immediata per chi ha 36 mesi di servizio, 50000 unità di personale ATA in più e full time per i 4000 ex LSU assunti part time. Si chiedono investimenti veri nella scuola pubblica statale. “A tutt’oggi –spiegano i sindacati- sono irrisolti i principali problemi per la ripresa in sicurezza: gli edifici non sono stati messi a norma, non si sono trovati i nuovi locali e il personale aggiuntivo per evitare le ’classi pollaio’, nessuno sa come affrontare la questione di lavoratori e studenti ’fragili’ cioè esposti a maggiore rischio in caso di contagio, non è garantito il lavoro a distanza per ATA e docenti, manca il cosiddetto ’organico Covid’, non si sono stabilizzati i precari e le nuove graduatorie presentano molti, troppi errori”. E continua: “Anche sulla didattica digitale restano aperti tanti interrogativi sul come garantire il diritto universale all’istruzione nell’ipotesi di ripresa della pandemia”.

 

 

About marco

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un commento