Spoltore paga un tecnico esperto per tutelare il verde urbano

Da il 22 Giugno, 2019

Tutela e valorizzazione del patrimonio arboreo, risoluzione dei problemi irrisolti legati al verde pubblico: il Comune di Spoltore fa veramente sul serio. Attraverso un atto di natura tecnica la politica spoltorese ha deciso, infatti, di affidare in maniera diretta un incarico per la redazione di un regolamento ad hoc per fare il cosiddetto salto di qualità nella gestione di alberi, piante, giardini, aiuole e parchi insistenti nel nostro territorio. Verranno spesi circa €2.500,00 che però serviranno per pagare il dott. forestale Matteo Colarossi il quale dovrà produrre quel documento utile a soddisfare le intenzioni dell’amministrazione spoltorese finalizzate, appunto, alla predisposizione di ‘un regolamento organico finalizzato alla regolamentazione di tutto il settore del verde pubblico e privato e tutelarne le funzioni di interesse collettivo, a difesa delle alberature di parchi e giardini pubblici e privati nonché delle aree di particolare pregio ambientale anche non direttamente interessate dalle coltivazioni, nel rispetto del dettato costituzionale che tutela la vegetazione in quanto componente fondamentale del paesaggio’. Insomma, magari sarà questa la volta buona o l’attesa ‘svolta’ in cui i problemi relativi ai famosi parchi storici del nostro territorio potranno essere classificati e definitivamente risolti. Evidentemente la nomina di un tecnico esterno è dipesa dalla mancanza di professionalità alle dipendenze comunali  in merito a questo argomento. Anche se, a dirla tutta,  non stiamo trattando un tema proprio originale o complicatissimo: esistono da decenni molti progetti nazionali o realizzati nell’ambito di tante realtà medio piccole come la nostra, progetti che addirittura potrebbero essere calzanti alla conformazione del patrimonio ambientale di Spoltore. Ad esempio, anche una “Convenzione Europea del Paesaggio” che tratta, tra le tante cose, la tutela del verde pubblico così come è stato definito nella delibera di Giunta attraverso la quale gli assessori spoltoresi hanno voluto iniziare questo relolamento. Ottime idee innovative sono nate anche nelle importanti partecipazioni al “Premio del paesaggio del Consiglio d’Europa” che ogni due anni viene ‘assegnato alle collettività locali e regionali e ai loro consorzi che, nell’ambito della politica paesaggistica di uno Stato Parte contraente della presente Convenzione, hanno attuato una politica o preso dei provvedimenti volti alla salvaguardia, alla gestione e/o alla pianificazione sostenibile dei loro paesaggi che dimostrino una efficacia durevole e possano in tal modo servire da modello per le altre collettività territoriali europee’. Di seguito pubblichiamo un link visibile gratuitamente sulla piattaforma YouTube che racconta di un progetto italianissimo, vincitore del Premio Nazionale del Paesaggio 2018-2019.

Ciuffi

About marco

One Comment

  1. Mirta

    23 Giugno 2019 at 11:26

    Ottimo!la prima cosa che il professionista potrebbe fare è una verifica sulla distanza di sicurezza tra la pira purificatrice e il povero tiglio che ogni anno ne subisce le conseguenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.