Blitz delle forze dell’ordine in via Giotto: identificate tre persone sospette

Da il 9 Marzo, 2019

Un’azione rapida delle forze dell’ordine di Spoltore è servita a tranquillizzare alcuni cittadini preoccupati da una anomala situazione. È successo qualche giorno fa in via Giotto, una zona residenziale nel centro urbano del paese. Alcuni loschi individui, con un atteggiamento anomalo hanno insospettito alcuni residenti che prontamente hanno allarmato le forze dell”ordine. Sembrerebbe che i tre sospetti, in possesso di un furgone, dopo aver tentato di violare un domicilio avrebbero citofonato ai campanelli di una palazzina lungo la stessa via chiedendo la possibilità di cogliere delle mimose da un albero fiorito nei paraggi dello stabile. Una richiesta che con il senno di poi è sembrata una scusa. Prontamente, alcuni agenti della Polizia Locale coordinati dal Comandante Panfilo D’Orazio impegnato direttamente in questo blitz, sono intervenuti fermando ed identificando i soggetti di cui parliamo. Gli stessi Vigili Urbani si sono interfacciati con i Carabinieri della Caserma di Spoltore, sopraggiunti sul posto anche loro per un supporto alla gestione della situazione. Non sappiamo se sono stati riscontrati dei reati e/o delle correlazioni con situazioni analoghe a questa nella area territoriale. Ci sarebbero delle indagini per capire meglio ed aggiornare costantemente un quadro generale della situazione sicurezza. La prontezza e la coordinazione dell’intervento che stiamo raccontando evidenzia una livello alto di efficienza, certamente frutto di un intenso lavoro che le nostre forze dell’ordine stanno svolgendo per la tutela del cittadino. Certamente, anche grazie all’ampliamento del costante monitoraggio del territorio, all’incremento della preparazione individuale degli agenti e la dotazione di strumenti sempre più tecnologici si sta delineando un netto aumento del livello di sicurezza pubblica sul nostro territorio, ma non si può assolutamente abbassare la guardia.

SC

 

About marco

One Comment

  1. Pinco

    13 Marzo 2019 at 3:29

    Ma quante cazzate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.