Danni maltempo, i tecnici parlano di “carenze manutentive” pregresse

Da il 7 Agosto, 2019

A seguito dei fenomeni metereologici che, con piogge torrenziali e grandine, lo scorso 10 luglio 2019 hanno causato ingenti danni anche sul nostro territorio, i tecnici del Centro Operativo Comunale spoltorese hanno effettuato sopralluoghi negli immobili pubblici, strade ed infrastrutture. Pertanto, dai primi ‘esami speditivi’ presso i suddetti luoghi, prettamente segnalati dagli utenti, per asserite condizioni di pericolo causate dalle forti piogge, gli stessi tecnici incaricati dall’ente hanno rimesso una relazione finalizzata anche al riepilogo delle spese, pagamenti dovuti ai lavori di somma urgenza eseguiti da operatori economici interpellati al momento dell’esigenza. Complessivamente sono state liquidate a favore della Spoltore Servizi srl, della Ma.Pi. Costruzioni srl, di Di Girolamo Dino e della F.lli De Leonibus srl, importi per una somma totale di €69.207,94. Fatto spiacevole è che dal documento in argomento, che di seguito pubblichiamo in formato pdf, emergono delle carenze manutentive pregresse in alcuni casi valutati dagli esperti del C.O.C. Ad esempio: apprendiamo che in via Dietro Le Mura, nel centro storico di Spoltore, l’acqua meteorica non è riuscita a defluire nel “impianto di raccolta delle acque bianche esistente, in quanto inefficiente”, riversando su una strada “per tramite di un versante a scarpata in forte acclivio e costituita da terreno di riporto in vegetazione spontanea non mantenuta”. Mentre nel caso di Via Italia a Villa Raspa le condotte di scarico delle acque bianche sono risultate già “pregiudicate a livello manutentivo da istruzioni pregresse”. Inoltre, in varie strade allagate dal fango è mancata la presenza di “cunette laterali” necessarie al deflusso dell’acqua mista alla terra che, in determinate situazioni è franata dalle scarpate. Comunque, nei confronti di quanto accaduto in comuni limitrofi al nostro dove, durante quelle giornate di luglio, si sono registrati anche casi di persone ferite, possiamo ritenerci fortunati. In merito alle carenze riscontrate nella relazione in argomento, considerando l’impegno annuo che i contribuenti spoltoresi rivolgono al servizio di manutenzione delle strade e del verde pubblico, ci auguriamo un’attenzione maggiore a garanzia del massimo dell’efficienza possibile. Come pure ci auguriamo che il Governo “Giallo Verde” possa stanziare nel breve le somme per i danni procurati dal maltempo: è vero che siamo una regione che ha beneficiato di tanti soldi pubblici per le varie emergenze, come quella del sisma del 2009 e del 2017. Ma anche questa volta ce la siamo vista molto brutta, per fortuna stavolta senza morti da piangere. Solo un conto salatissimo di 85 milioni di euro per tutto l’Abruzzo, 3 milioni per la nostra Spoltore.

relazione n 25582 del 30-07-2019 PACP somma urgenza grandine 2019-compresso

Sn.it

About marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.