Il ‘mistero’ dell’Alfetta di Villa Santa Maria verso la risoluzione

Da il 5 Gennaio, 2019

Il ‘mistero’ dell’Alfa Romeo grigia, abbandonata a Villa Santa Maria e’ verso la risoluzione. A parlarcene e’ il comandante della Polizia Municipale Panfilo D’Orazio che ha preso in carico la situazione, segnalata dai cittadini della bella frazione spoltorese, ed avviato tutte le procedure perché si possa raggiungere il legittimo proprietario (uno straniero irrintracciabile) e/o rimuovere questo veicolo che giace abbandonato nel parcheggio del campo sportivo da quasi un mese. Da quanto abbiamo appreso il veicolo e’ assicurato e non ne e’ stata denunciata la scomparsa, perciò attualmente non e’ possibile rimuoverlo da lì. Tuttavia le prospettive che il proprietario possa manifestarsi, riprenderlo e portarlo via da Spoltore sono abbastanza remote. Inoltre, il rischio che lo smaltimento del mezzo attraverso la demolizione, una volta esaurite tutte le procedure esecutive previste dalla legge per casi simili, sia a carico della comunità spoltorese e’ anche molto alto. Per scongiurarlo bisognerebbe rintracciare il legittimo proprietario all’estero e notificargli tutti gli atti che riguardano il mezzo di sua proprietà. Ma oltre a queste argomentazioni sacrosante ci sarebbe da capire perché questo veicolo e’ stato portato a Villa Santa Maria, chi l’ha condotto e, soprattutto, se e’ stato utilizzato per fare qualcosa di illegale, come rapine o furti o altro. Accertamenti, questi ultimi, che potranno essere svolti esclusivamente dai carabinieri di Spoltore o altre forze di polizia dato che alla Municipale di un comune con meno di centomila abitanti non sono affidate simili responsabilità. Dunque, bisognerà pazientare ancora un poco per liberarci di quella macchina fatiscente: ma ormai è soltanto una questione di tempo.

Sn.it

 

Sn.it

About marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.