Truffa ai clienti. Sequestrata auto all’ex direttore delle Poste di Vallemare

Da il 8 Ottobre, 2019
E’ una storia molto brutta quella che accingiamo a raccontare. Parla di un impiegato di Poste Italiane che, abusando della propria posizione di direttore dell’istituto, avrebbe sottratto ai propri clienti circa 340mila euro. I fatti contestati risalgono al periodo 2015-2018, e si riferiscono alla filiale di Vallemare di Cepagatti, vicino Spoltore. L’uomo é stato denunciato per peculato da una delle vittime (un pensionato di Cepagatti) ed oggetto di un sequestro preventivo da parte della Guardia di Finanza.
Di seguito  la nota stampa delle Fiamme Gialle:
I militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, nel mese di novembre 2018, hanno portato a compimento l’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo, emesso dal GIP del Tribunale di Pescara per il reato di peculato, nei confronti del Direttore pro tempore dell’ufficio postale della Provincia di Pescara, il quale, abusando delle proprie funzioni, nel periodo fra il 2015 ed il 2018, si era appropriato indebitamente di denaro sottratto dai rapporti intrattenuti da numerosi correntisti postali per circa 340.000 euro.
L’attività ha permesso di rinvenire e sottoporre ad un primo sequestro per equivalente immobili e disponibilità finanziarie per circa 62.000 euro.
Ma cosa ancor più particolare è risultato il tentativo dell’indagato di sottrarre al sequestro quanto possibile ed in particolare, spogliandosi simulatamente della proprietà della sua autovettura, acquistata da meno di due anni.
Infatti presso gli uffici del P.R.A. di Pescara, i Finanzieri, che si erano ivi recati per sottoporre a sequestro un’autovettura di proprietà dell’indagato, appuravano che la stessa stata “venduta” ad un familiare, per l’importo dichiarato di 10.000 euro, proprio in quella mattinata.
I mirati accertamenti eseguiti dalle Fiamme Gialle, hanno consentito di raccogliere elementi sufficienti a dimostrare come l’autovettura fosse rimasta sempre nella disponibilità dell’indagato e che, quindi, il trasferimento di proprietà sarebbe stato solo fittizio, in quanto posto in essere con l’unico fine di evitare il provvedimento di sequestro emesso dall’Autorità Giudiziaria.
Tali risultanze venivano rappresentate alla Procura della Repubblica, che richiedeva ed otteneva dal GIP del Tribunale di Pescara, l’emissione di un decreto di sequestro preventivo dell’automobile, ritenendo che di fatto la vendita fosse simulata. Così è stato possibile pervenire al sequestro della stessa, per un valore totale di beni ad oggi individuati e sequestrati a fini della successiva confisca, di 70mila euro.

Di seguito quella di Poste Italiane:

Roma, 7 ottobre 2019In riferimento alla notizia sul sequestro preventivo per peculato nei confronti del direttore pro tempore di un Ufficio Postale nel pescarese, Poste Italiane precisa che il fatto si riferisce ad un ex dipendente. Il rapporto con l’ex impiegato risulta infatti interrotto dal 4 ottobre 2018.

L’Azienda ha collaborato fin da subito con le Forze dell’Ordine offrendo la massima disponibilità per l’accertamento del reato e ha già disposto il rimborso a tutti i clienti coinvolti nell’attività fraudolenta.

Poste Italiane pone il massimo impegno per impedire ogni forma di illegalità supportando, con tutte le sue risorse, l’Autorità giudiziaria a tutela dei propri clienti e dei propri dipendenti.

 

About marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.