Al via lo studio della Spoltore Sotterranea. Gli Speleologi dentro le case

Da il 9 maggio, 2018

Al via lo studio dedicato alla “Spoltore Sotterranea”: i rilievi all’interno del centro storico partiranno il 19 maggio. “Faremo un primo giro di perlustrazione per mettere su mappa i luoghi dei quali è necessario approfondire l’ispezione” spiega il consigliere Cinzia Berardinelli, che assieme al presidente del Consiglio Lucio Matricciani ha avviato il progetto. L’obiettivo è censire tutte le cavità realizzate dall’uomo per creare un database comunale: “lo studio ha sia un’importanza sia dal punto di vista storico” chiarisce Matricciani ” sia come strumento di prevenzione del dissesto idrogeologico”. “Sabato scorso (5 maggio 2018) nella sede della Società Operaia e di Mutuo Soccorso in piazza D’Albenzio c’è stata la prima riunione operativa con i due gruppi coinvolti” prosegue Berardinelli. “Sono la Federazione Speleologica Abruzzese e il Centro Appenninico Ricerche Sotterranee, che ringraziamo per la disponibilità e l’entusiasmo. La riunione è servita a stabilire i dettagli organizzativi e a conoscerci meglio: abbiamo poi diviso i compiti e programmato le ricerche”. E’ già iniziata la ricerca al catasto per individuare le cisterne, neviere e pozzi già conosciuti. Il progetto prevede ricerca e censimento di ipogei artificiali nel centro storico di Spoltore, con estensione all’abitato di Caprara e Villa Santa Maria. “L’antica origine di questi nuclei abitativi – si legge nella nota inviata alla stampa – è confermata dai ritrovamenti a Cavaticchi, relativi a 25.000-20.000 anni fa, dal sito archeologico romano a Santa Teresa, e dai documenti scritti che, a partire dal 972, parlano di Spoltore. La collaborazione – concludono gli scriventi – con la popolazione sarà centrale: molte cavità sono storicamente note, ma altrettante sono ricordate solo dagli abitanti più anziani e per questo in una prima fase dovranno dare un apporto indispensabile per individuare eventuali locali sotterranei”.

Nota di redazione

Abbiamo sospetto che il dato riportato “20.000-25.000 anni fa” nel comunicato dell’Ufficio Stampa sia errato dato che parla di epoche paleolitiche (preistoria). Ma dato che non siamo degli storici, potremmo essere noi in errore.

Sn.it

About marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.