Il progetto del mega-cimitero “cuore” dei lavori pubblici nel triennio 2019-21

Da il 7 Gennaio, 2019

E’ il progetto del mega-cimitero a caratterizzare gli impieghi di 13 milioni che verranno potenzialmente spesi nel prossimo triennio 2019-2021. Le sole costruzioni ex-novo che interessano l’ampliamento del camposanto situato nel capoluogo centro urbano, comporteranno infatti un costo complessivo di 8.485.700,00 euro. Un investimento unico nella storia di Spoltore possibile attraverso un impegno di fondi economici privati con la formula del project financing. In sostanza, una società privata realizzerà l’infrastruttura pubblica in cambio della possibilità di gestione dei servizi cimiteriali per un tempo determinato allo scopo di trarne profitto e recuperare le spese sostenute per la sua realizzazione che, alla fine del contratto, resterà in proprietà alla collettività. Verranno realizzati cioè circa 2.500 nuovi posti, loculi, per soddisfare in linea di massima il fabbisogno stimato per la Città di Spoltore nei prossimi 20 anni. Ricordiamo che questo tipo di rapporto, tra pubblico e privato, è sempre più utilizzato per avviare opere pubbliche che altrimenti faticherebbero a trovare le necessarie coperture data la difficile situazione finanziaria dei comuni. Ma è anche vero che, negli anni, le esperienze in merito a questo tipo di contratti ci insegnano la necessità della massima trasparenza: vedi quanto capitato alcuni anni fa, nella Città di Pescara, con i project financing dei cimiteri e area di risulta finiti sotto la lente della magistratura.

Oltre all’investimento sul detto luogo di culto a Spoltore si interverrà sul completamento della scuola dell’infanzia in Via Saline (962mila euro dal MIUR), sulla bonifica dell’ex discarica di Santa Teresa (909mila euro dalla Regione Abruzzo). Verrà come sempre destinata una parte dei fondi per la manutenzione degli asfalti e marciapiedi (450mila euro), la riqualificazione dell’area parcheggio in Via Lubiana (160 mila euro), consolidamento di Via del Mulino e Salita Castello (375.693,10 euro). Infine la sistemazione del Parco del Convento e il potenziamento della rete di illuminazione pubblica (130 mila euro).

“Siamo convinti di riuscire ad attuare il piano in tempi brevi, infatti quasi tutte le somme sono stanziate nella prima annualità. Il nostro documento di programmazione dei lavori è uno strumento concreto che prevede solo opere già finanziate e pronte a partire, senza dilungarsi in sogni irrealizzabili come avviene solitamente nel triennale dei lavori pubblici. Abbiamo cercato di fare un elenco delle priorità e di dare seguito alle segnalazioni dei cittadini”. Queste le parole del sindaco Luciano Di Lorito che elogia anche “il lavoro di squadra tra amministratori e dipendenti”.

“Ambiente, ampliamento del cimitero e viabilità sono al centro del piano: andiamo a recuperare ritardi che caratterizzano il nostro tessuto urbano, come nel caso dell’ex discarica di Santa Teresa o del parcheggio in via Lubiana”. Così, invece, l’assessore al Lavori Pubblici Stefano Sebastiani.

Nessun commento pervenuto alla nostra redazione da parte da centrodestra e MoVimento 5 Stelle sull’importantissimo documento approvato dal Consiglio comunale.

Sn.it

About marco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.